IO ALLENATRICE

Vorrei porvi una domanda: io ho 19 anni e mi piacerebbe tanto fare qualche provino per diventare allenatrice, anche di bambini. Dove posso rivolgermi? Vi prego di consigliarmi.
Fede
Non sei un po' giovane per fare l'allenatrice? comunque basta che ti proponi ad una qualsiasi società che abbia un settore giovanile e lì potrai cominciare a fare la gavetta. Poi al Comitato Provinciale FIGC potranno indicarti dei corsi per prendere il patentino, ma quello lo farei in un secondo tempo.


CAPITANE, MIE CAPITANE!

Ciao, sono una giocatrice di calcio e vorrei sapere da qualche esperto in materia, quale dovrebbe essere il ruolo di un vero capitano, in campo e fuori, e se possibile i criteri, se ce ne sono, della scelta.
Mari
Risponde l'esperta in materia, Betty Vignotto: Nell’assegnazione della fascia credo che la scelta  avvenga con modi e criteri diversi a seconda di  situazioni e gestioni societarie e del gruppo. Normalmente si possono riassumere in due principali criteri: anzianità di militanza nella società (e non necessariamente anzianità anagrafica), immagine e ‘peso’ nello spogliatoio.  Nel primo caso l’attaccamento prolungato alla maglia porta con se’ ottime conoscenze di ambiente societario con conseguente supporto all’integrazione delle nuove arrivate. Nel secondo l’età è elemento essenziale per maggior esperienza di campo (magari campionati giocati anche a livelli superiori a quelli della categoria in oggetto - per es. Serie B per una categoria regionale)  e di ambienti diversi (sapendo così dominare eventuali tensioni del gruppo perché già conosciute).
Rimane chiaro comunque che la fascia non rappresenta in maniera automatica riconoscimento da parte del gruppo, per far ciò è necessario sapere gestire con attenzione, disponibilità, coerenza, umiltà l’impegno assunto.  Facilmente il capitano sarà quindi il primo riferimento per le giocatrici nei rapporti con il tecnico e la società, anche se dovrà ricordare sempre di essere principalmente una giocatrice e dare sul campo l’esempio di lealtà, impegno e coesione.    

DOMANDA TECNICA

Vorrei avere un po'di nozioni su come marcare l'avversario sui calci piazzati: devo starle appiccicata o lasciarle un po' di spazio? se guardo i suoi movimenti e non la palla di solito mi anticipa colpendo la palla di testa. volevo sentire le vostre opinioni in merito.
Mara
Risponde Roberto Genta (allenatore Trento): Le nozioni del calcio sono moltissime e mi permetto di invitarti a leggere un breve trattato che ho inserito nella sezione multimedia all'interno del sito www.calciotrento.it alla voce elementi di teoria.
Premetto che il marcamento per essere eseguito bene deve seguire uno studio teorico non indifferente che comunque puoi trovare nella mia relazione. Nello specifico , su un calcio piazzato ( nella prossimita' dell'area di rigore) il marcamento deve essere eseguito a uomo e deve essere fatto in modo da limitare il movimento avversario.
Se l'avversario che marchi e' molto forte in fase conclusiva, capace quindi di incursioni di testa, rovesciate, mezze rovescaiete ecc. e' logico che le stesse sarebbero di difficile esecuzione se tu marcatore non lasci muovere l'attaccante.
Molti marcatori non guardano nemmeno la palla ma si focalizzano sull'incursore impedendegli i movimenti e levandogli la lucidita' per una eventuale conclusione. Se io attaccante devo calcolare la gittata della palla, cercare gli spazzi per a rincorsa, trovare il tempo per il salto, guardare la posizione del portiere e incornare di testa spiazzando l'estremo difensore  come potrei fare tutte queste cose se il mio marcatore mi innervosisce e non mi fa muovere sballandomi tutti i miei movimenti.
E' naturale che se la ragazza da marcare non e' un elemento che reputo pericoloso allora posso staccarmi leggermente, e cercare l'eventuale anticipo.
In area di Rigore io solitamente ( nelle punizioni e corner) 2 ragazze libere con grandi doti di interccettamento che dovranno garantire l'allontanamento del pallone, mentre piazzo dei marcatori fissi sugli incursori che reputo piu' pericolosi. spero di averti aiutato e comunque mi metto a disposizione per eventuali chiarimenti


Domande 2002/2003 - 2003/2004

Domande 2001/2002


Domande 2000/2001